domenica 8 novembre 2009

L'Amore è Mistero!

Dicasi  Mistero : (wikizionario) segreto, enigma, giallo.


Quando uno dei miei figli mi si avvicina, mi si siede accanto e mi sussurra le parole "scusami" in un certo modo, piuttosto che in un altro, non riesco a negare il mio perdono. E so perfettamente quando è un'apologia di convenienza e quando, invece, è pronunciata con il cuore. Non so spiegare quale sia l'abilità, nel farlo, ovvero come si riesca a "leggere dentro" e capire il pentimento reale, eppure ci riesco. E' mia convinzione che ogni mamma riesca a sentire quando il proprio figlio chiede scusa ed è poi incapace di non perdonarlo. Condivido questa riflessione, balenata nella mia mente chissà come mai, durante una celebrazione penitenziale di alcuni bambini.  Forse loro, i bambini, hanno questo dono: l'autenticità.   Ciononostante credo che ne' dipenda tutto da loro, ne' tantomeno tutto da noi mamme. Credo sia un qualche cosa che ha a che fare con la reciprocità, e connubio tra autenticità e Mistero, la cui atmosfera è l'Amore. Se l'atmosfera è ciò che ci circonda aria, acqua, terra, fuoco, ciò in cui siamo immersi, allora questo pensiero mi riempie di Speranza! Osservavo, con un pizzico di invidia, i bambini tornare verso le mamme e i papà (i più fortunati godevano della presenza di entrambi, anche se, non tutti ... non tutti...) e dare loro un bacio. Quasi a suggello di una promessa tipo "non lo faccio più, mamma", quando nello stesso momento noi, le mamme, sappiamo che tale "giuramento" è passibile di variazioni in corso d'opera.

E pensavo, quante volte, Dio ci avrà visti e sentiti, in queste situazioni. Eppure, amorevolmente come una Mamma, ha goduto del nostro bacio.

Si, l'Amore è un mistero !  Non riconducibile alla sfera della realtà tangibile, eppure lo senti. Non lo si può misurare, eppure c'è e occupa un tempo e uno spazio. 

Vorrei chiedere al Signore, questa domenica, che mi aiuti a riacquistare quello sguardo, lo sguardo di quella bimba che mi guardava attraverso il vetro, io fuori e lei dentro la stanza, e mi guardava ... il linguaggio dello sguardo dei puri di cuore; ecco, Signore, che cosa ti chiedo, oggi: dammi la forza, l'autenticità, la gioia, la serenità dei puri di cuore. E piano piano mi si svela e si rivela, ineludibilmente , sorpresivamente ma in modo anche prepotente, il significato di alcuni passaggi ... "Lasciate che i bambini vengano a me..." .
Posta un commento