giovedì 20 ottobre 2011

Ma dov'è il timone?

Un tale, un certo signor campeggio, ha previsto per oggi la fine del mondo.

E così un quotidiano come il "Corriere della Sera" lancia una proposta sul come vivresti questo se fosse l'ultimo giorno della tua vita.

http://www.corriere.it/cronache/11_ottobre_20/fine-mondo-forum-introduzione_e4fd3e86-fb02-11e0-b6b2-0c72eeeb0c77.shtml

Mi ero persa a chattare con mio fratello che abita agli antipodi, quando mi ha chiesto se avevo conferma della morte di Gheddafi. E io, da brava netsurfer mi son subito collegata col sito di AlJazeera per capirci qualcosina in più.
Il live video dava immagini agghiaccianti. Si, il dittatore è morto, dopo ciò che ho visto ne ho la piena certezza. Quale scenario ora? Io vedo solo tanti avvoltoi.

Poi, il nubifragio di Roma, la Lindsay Lohan che è obbligata dalla giustizia Usa a ripulire un obitorio....

Poi conoscere la storia di Marie Dedieu e della sua tragica quantomai assurda morte in prigionia...

E la crociata antiabortista... e la Clinton che parla all'Afghanistan....

E la Sony che lancia la nuova consolle portable "PS Vita" ....



.... ma... oggi... per me... potrebbe davvero essere l'ultimo giorno...  Davvero?   si...

Fortunatamente -  o magari nemmeno tanto, a volte - io credo che questa sia vita , senz'altro. Ma ce n'è anche un'altra e che anche se non la conosco, vale infinitamente di più. perchè è eterna, non limitata come questa che è "a tempo", già iniziato pur contro la mia volontà e inesorabilmente "fino ad esaurimento scorte".
Mi viene in aiuto San Paolo che, oggi, mi dice che, in ogni caso, qualsiasi cavolata io abbia commesso, c'è ancora tempo per cambiare rotta.

Dice lui : "Fratelli, parlo un linguaggio umano a causa della vostra debolezza. Come infatti avete messo le vostre membra a servizio dell'impurità e dell'iniquità, per l'iniquità, così ora mettete le vostre membra a servizio della giustizia, per la santificazione.
Quando infatti eravate schiavi del peccato, eravate liberi nei riguardi della giustizia. Ma quale frutto raccoglievate allora da cose di cui ora vi vergognate? Il loro traguardo infatti è la morte.
Ora invece, liberati dal peccato e fatti servi di Dio, raccogliete il frutto per la vostra santificazione e come traguardo avete la vita eterna. Perché il salario del peccato è la morte; ma il dono di Dio è la vita eterna in Cristo Gesù, nostro Signore.


Non è di certo facile, pensarla così. O talvolta è troppo comodo... non saprei... so solo che, vada come vada, vorrei che, se questo fosse il mio ultimo giorno, avessi compiuto qualcosa di bello per me  e per gli altri; avessi potuto trovare la mia strada, quella della mia realizzazione, perchè questa è la felicità e la gioia, credo, più grande : realizzare il sogno di Dio per me.

Il vento fuori soffia, parecchio e anche freddo. Mi è sempre piaciuto il vento.

Cambiare rotta, trovando il timone; col vento che riempie la mia vela, e la sospinge verso un luogo paradisiaco. Ma... sarà che sto sognando? 






Posta un commento