domenica 29 gennaio 2012

Quando e come riconosco un amico?
Quando e come riconosco l'Amore?
Quando e come riconosco il Bene?

Il tema è il "riconoscere".  Che è il passaggio dal superficiale al profondo. Dalla presunzione del "sapere" alla verità del cuore che dice "Caspita, ti ho (ri)trovato! ti avevo in mente, ti avevo già visto da qualche parte... ". 

E' vero, scopro nella mia vita che non sempre questo passaggio è automatico, anzi, MAI.

Richiede uno sforzo non indifferente. Specialmente una "volontà" a farlo, quando molto di frequente preferisco "restare" in superficie... galleggiare... come la schiuma del cappuccino.
Perchè? perchè andare in profondità è molto impegnativo e, non di meno, doloroso... richiede anche un "cambio": se approfondisco, non sarà più la stessa cosa, non avrò più scusanti, non potrò dire "non sapevo", perchè "so"... e perchè io tendo ad avere dentro me "aria" che, inevitabilmente, quando desidero immergermi un po' sotto acqua, mi obbliga a sforzarmi, a spingere con le braccia, se voglio andare in profondità... 

L'incontro con le persone, ti "svela". Cioè, ti rivela una parte dell'altra persona che ignoravi e che cambia il tuo sguardo verso essa, mutandolo da superficiale a profondo. Mi piacerebbe davvero, il mio cuore lo desidera ardentemente, questo tipo di  incontro.  Sono stanca di rapporti "occasionali", si, quella qualifica che si suole dare al sesso, ma che invece, voglio attribuire al mio stare con le persone.  Non basta un "Ciao". Non basta un "sms", nemmeno un "email", che , magari, può completare, ma non può sostituire. 

Il Vangelo di oggi fa un po' impressione.

Mi indica che tra i primi a "riconoscere" il Signore, sono i demoni.

Ecco...   vorrei poter avere, Signore, uno sguardo più limpido, uno sguardo che mi permetta di riconoscerti,  non per  fuggire da Te ma per convertire, cambiare rotta, diventare un po' più felice, perchè è questo quello che Vuoi, da me.  

Prego per L .e ringrazio il Signore perchè ha aperto a me il suo cuore... penso che non sempre abbiamo le risposte alle domande che le vicende della Vita ci pongono, è necessario di viverle, queste domande, con una vita capace di restare anche in attesa della risposta, affidandoci a Qualcuno che ci Ama. Lo so che è dura, in un mondo che ci abitua ad essere "reattivi", "capaci", automaticamente pronti con la soluzione... ma noi ci proviamo lo stesso!   ^_^

Prego anche per F. perchè possa piano piano aprire il suo cuore al perdono di se stessa, perchè siamo "chiamati" alla perfezione, ma non perfetti, ed ogni errore commesso ci genera a nuova Vita, per ricominciare a sperare, di più, con più forza.

A tutti, che possa essere, questa, una dolce e serena Domenica, l'ultima di gennaio.  Un sorriso !!!
 ^_^ !!!


Posta un commento