lunedì 20 febbraio 2012

Piove.

Ci sono molte cose che mi commuovono.
Dovessi elencarle tutte, inizierei dalla Natura. Sin da piccola, quando mi avvicino ad essa, in un modo o nell'altro, sia attraverso una camminata lungo uno degli innumerevoli sentieri delle nostre montagne, sia passeggiando verso il centro - ove tutt'altro tipo di natura è percepibile - sento in me crescere il desiderio di "starci".
Da qualche giorno ho scoperto, grazie ai suggerimenti di blogspot, il blog di un regista milanese che, qualche mese fa ha dedicato uno dei suoi filmati ad una donna, Martha, e, finalmente dopo tanto, ho scoperto un po' di più di me stessa.   Si, perchè Martha è una "strega"... e io un po' mi sento così.  Martha ha la fortuna, di abitare in montagna e di poter, in qualsiasi momento, inoltrarsi in lunghe camminate nei boschi. E parla con gli alberi, con i fiori, con l'erba...  finalmente capisco che non sono poi così "pazza", se siamo in due...  no?    ^_^
Scherzi a parte, ho sempre adorato parlare con la Natura. E' molto rigenerante. Ho davvero la certezza che in un modo che disconosco, Essa mi ascolti. Non solo: mi parla, sussurra alle mie orecchie parole dolci, parole di conforto, talvolta parole di incoraggiamento, talvolta mi sprona. 
Stanotte il Vento - anche stamattina, ma la notte è "diversa" - voleva ad ogni costo che lo ascoltassi.
Io tentavo di convincerlo che ero un po' stanca, che avrei preferito dormire, ma lui mi diceva "Avrai tempo.... ora ascolta...".
Cosa mi abbia detto, son fatti miei.
Però mi ha parlato dell'Amicizia. Dell'Amore. E della soglia sottile, anzi, direi, impercettibile, che le separa.
Poi è arrivata Pioggia e mi ha ricordato che è necessario "stillare" ma anche "distillare".

E ora vado... torno alle "cosa altre", ma un po' più felice.











Posta un commento