mercoledì 24 ottobre 2012

Pettirosso.

Qualche pomeriggio fa, in cui non mi sentivo molto bene, sedevo sul divano con la classica copertina sulle gambe, in attesa che l'attacco di emicrania volesse salutarmi e lasciarmi andare, anche piano piano, non importa, e guardavo la televisione.
C'è un canale di quelli digitali, di estrazione scientifica (mah!boh...) che parlava di Mercurio.
Si, il pianeta.
Di come, in totale assenza di atmosfera, fosse stato bersaglio- tuttora lo sia - di numerose precipitazioni di tipo meteoritico.  E di come, queste, abbiamo provocato sulla superficie del pianeta tantissimi crateri.
Ma, anche, il sorgere di ciò che gli scienziati chiamano "terreno strano", ovvero, improvvise quantomai appuntite, cime, la cui altezza è direttamente proporzionale alle dimensioni del meteorite schiantatosi, laddove, agli antipodi perl'appunto, se ne fosse schiantato uno di veramente rilevante.
Forse, per me, la fede è anche, un po', questo : la mia atmosfera. E senza di essa, chi lo sa, probabilmente, potrei sopravvivere, ma piena di "crateri". LA mia vita non sarebbe la stessa,e ... il mio cuore ....

Mah... ci sono post che si incollano dentro. Questo è uno di quelli: non vuole uscire da qui. Lo fa mal volentieri. Ha già quache giorno, sottoforma di bozza, ma, niente, non riusciva  trovare una sua dimensione. Ho insistito, e così, l'ho pubblicato, senza averne il suo consenso...


Ti è mai capitato di avere la sensazione di voler raccontare qualcosa a  qualcuno a tutti i costi, ma non sapere da dove cominciare, quali parole usare ...

...Il mio cuore...

Va bene, dai, torna dentro, piccolo post... vieni a scaldarti un po' chè fuori inizia a far freddino...

Ah, però una cosa sì che la voglio lasciar fuggire via!  stamattina, mentre uscivo furtivamente sul terrazzo a guardare l'alba, ho intravisto una pallina nera, posarsi sul terrazzo della Chiara, al piano di sotto. Pensavo fosse una foglia, strana, che andava molto veloce, inseguita da un'altra.
Poi, però, la pallina è venuta su da me, si è posata sulla mia ringhiera e mi ha guardata : favoloso !!! un pettirosso che, con i suoi colori, sembrava avesse appena fatto una scorpacciata dall'alba che stavo ammirando, e dalle foglie degli aceri che qui sotto, in giardino, stanno prendendo sfumature meravigliose. Adoro l'autunno.


 

2 commenti:

Enzo ha detto...

Il pettirosso merita un commento, lo meriti anche tu che ne hai parlato con una grazia leggera incantevole. Certe emozioni stanno acquattate nel palmo di una mano, poi frullano via come un uccellino. Ciao Milly

milly di lorenzo ha detto...

Ciao Enzo!
Mi piace molto quello che mi hai scritto.
Grazie di cuore. Come stai? Anche da te inizia a vedersi un po' di autunnale colore?
Ti abbraccio.