domenica 13 novembre 2016

Nodi




Ricordare è aprire una scatola che avevi in soffitta, li dove solo tu sapevi, piena di tante cose, molte delle quali non riesci forse a farti venire in mente dove e quando le avevi comprate, o forse si, ma soltanto ora te ne eri rendi  conto.

Lasci uscire dalla mente i ricordi e questi attraversano le tue connessioni neuronali, arrivano agli occhi e dagli occhi scendono verso il naso e giù, verso le corde vocali dove si riuniscono, fino a far vibrare le corde vocali con la maestria di un triste musicante che ti racconta, attraverso la musica della tua stessa voce, momenti d Vita che ti appartengono. 

Li ascolti, e ti ascolti pronunciare parole legate alla tua stessa essenza e una parte di questi vola verso l'alto, verso gli occhi, scalpita e prova ad uscire, cambiando forma: acqua e sale. 

Come un artigiano che sceglie bene i materiali, così perfettamente siamo fatti, tutti noi...

 
E, mentre ascolti, ti sorprendi chiederti silenziosamente : "Ma davvero ? Ma è vero?"

Si. E' successo. Da un po' che non mi capitava, di raccontarmi.  

Sono grata alla Vita che, ogni tanto, mi offre queste occasioni...



A.S.Exupery




Perseverare : da per-severus, oltremodo severo, grave, forte, duro.                      Persistere inflessibilmente.
               Senza interruzione, con costanza, durare.

Un po' come essere "fedeli" ... avere "fede"... 



se hai voglia di riflettere:    http://www.lachiesa.it/bibbia.php?ricerca=citazione&Cerca=Cerca&Versione_CEI2008=3&Versione_CEI74=1&Versione_TILC=2&VersettoOn=1&Citazione=Lc%2021,5-19

Posta un commento