martedì 8 febbraio 2011

Neeeebbia!

A volte il nome che ho scelto per questo blog mi mette assai in crisi.
Non è facile abitare il mio cuore. A momenti c'è la nebbia fitta come panna - come stamattina, qui in città.
A volte ci trovo dentro  delle cose che non vorrei trovare;a tratti sentimenti di rabbia che non vorrei sentire,  oppure un principio di amore verso qualcuno di troppo... insomma... molta confusione.

Pensiero n°1.
Ieri mi chiedevo: Caro Dio, ma ... è più lunga la lista delle richieste giuste o di quelle sbagliate? 
Quand'è che so se ciò che "chiedo" corrisponde a ciò che "è giusto" per me?

Nuovamente, insomma... molta confusione.  E fatico pure a mettere ordine.
E a dare risposte. Si, di quelle importanti, di quelle che hai la sensazione che o dici qualcosa che ne valga la pena, o il silenzio sarebbe il disastro.
Ma, a volte, mancano le parole. O, almeno, quelle adeguate.

Pensiero n°2.
Come faccio a spiegarti che ciò per cui stai passando, l'ho vissuto anch'io?
Come faccio a farti capire che nessuno si può sostituire al personalissimo cammino della propria crescita?
Come faccio a comunicarti di non smettere mai di "chiederti" e di "chiedere" ?
Non è facile rendere ragione della propria vita, agli altri. Delle proprie scelte di vita.
Ne' tantomeno semplice è percepire se si è compresi, se qualcosa è riuscito a "entrare" attraverso il dialogo dei cuori.

Pensiero n°3.
Si, a volte mi sento incompresa. A volte mi illudo che il principio di "non fare agli altri ciò che non vorresti fosse fatto a te" sia valido comunemente. Invece non è così. E prendo di quelle legnate sui denti che metà basta.

Pensiero n°4.
I tuoi occhi.  ...... i miei occhi, il mio gesticolare.

Pensiero n°5.
Gli occhi di una persona che stamane mi ha ferito.

Pensiero n° 6.
Preferisco farmi molte domande che credere di avere tutte le risposte.


Pensiero n° 7.
Ho censurato il pensiero n°7.








Posta un commento